fbpx
Stiamo caricando

SOSPESO // Jump!

Teatro Bonci

A proposito di questo spettacolo

presso Palcoscenico del Teatro

È un lavoro che affronta il problema del ritmo dell’uomo in dialogo con il ritmo del mondo. Come continuare a camminare nonostante tutto stia crollando?
Usiamo il clown come metafora della condizione umana. Buster Keaton modifica continuamente il suo corpo e le leggi fisiche che lo riguardano in funzione di una danza ostinata.
Caduta, salto, sospensione. La caduta se vista sottosopra diventa un salto, un tentativo di volo.

Prima nazionale

 

Dati artistici

concept, coreografia e regia Vincenzo Schino e Marta Bichisao
performer Luca Della Corte, Samuel Nicola Fuscà, C.L. Grugher, Simone Scibilia
light designer Gabriele Termine
Una produzione di Opera Bianco

con il sostegno di Fondazione Royaumont (Parigi), Teatro Cantiere Florida (FI), CAOS Terni, URA Residenze Teatrali umbre (PG), Festival Teatri di Vetro (RM) 2018, Masque Teatro (FC) residenze artistiche 2019, Teatro La Cartiera/ KOMM TANZ 2019, Teatro Petrella di Longiano.

Notizie utili

foyer del Teatro A. Bonci
17/04/2020
h 18:00
Incontro di approfondimento attorno a Disgelo de nomi con Claudio Longhi - direttore Emilia Romagna Teatro Fondazione Mariangela Gualtieri e Cesare...

Se ti piace SOSPESO // Jump! ti suggeriamo anche:

dal 23/01/2020
al 26/01/2020
Teatro Bonci
Il mito di Antigone affrontato in una terra - la Sicilia - che si dibatte quotidianamente tra potere e strapotere, ribellione e anarchia
18/01/2020
Teatro Bonci
Uno dei capolavori del teatro musicale mondiale, l’operetta-valzer di Strauss dove realtà e finzione si confondono
dal 16/04/2020
al 17/04/2020
Teatro Bonci
Come continuare a camminare nonostante tutto stia crollando? L’uomo è un clown che danza con il movimento del mondo
29/01/2020
Altri spazi
Biografia dei Galilei, padre e figlio: due teorici moderni che hanno sognato una scienza libera dal bavaglio del potere
dal 02/04/2020
al 05/04/2020
Teatro Bonci
Il dramma più enigmatico di Shakespeare rivive grazie alla regia di Serena Sinigaglia: una riflessione sul potere e i suoi demoni