Stiamo caricando

Con il vostro irridente silenzio

Studio sulle lettere dalla prigionia e sul memoriale di Aldo Moro

Teatro Bonci

A proposito di questo spettacolo

Fabrizio Gifuni evoca il corpo di Moro, uno spettro che ancora oggi occupa il palcoscenico della nostra storia di ombre.

Aldo Moro durante la prigionia parla, ricorda, scrive, risponde, interroga, confessa, accusa, si congeda. Moltiplica le parole sulla carta, appunta a mano, su fogli di block-notes forniti dai suoi carcerieri: lettere scritte e recapitate e lettere censurate dai brigatisti, si rivolge ai familiari, agli amici, ai colleghi di partito, ai rappresentanti delle istituzioni; annota brevi disposizioni testamentarie.

E insieme alle lettere, nella sua prigione del popolo, compone un lungo testo politico, storico, personale: il cosiddetto Memoriale, con le risposte e le considerazioni alle domande poste dai rapitori.

Le lettere e il memoriale sono le ultime parole di Moro e raccontano tutti i 55 giorni della sua prigionia. Si tratta di un fiume di parole inarrestabile, che si cercò subito di arginare, silenziare, mistificare, irridere. Ma a distanza di quaranta anni, attorno a queste carte regna ancora un silenzio assordante. Soltanto alcuni storici non smettono di studiarle; insieme a loro pochi giornalisti e alcuni appassionati del caso Moro hanno cercato lì dentro la filigrana della più grande crisi della repubblica.


Consigli di lettura: una bibliografia sul Caso Moro a cura della Biblioteca Jorge Luis Borges di Bologna, in collaborazione con il PattoLetturaBo 

Acquista a partire da 17,92

Dati artistici

ideazione, drammaturgia e interpretazione Fabrizio Gifuni

Si ringraziano Nicola Lagioia e il Salone internazionale del Libro di Torino, Christian Raimo per la collaborazione, Francesco Maria Biscione e Miguel Gotor per la consulenza storica.

foto di Musacchio, Ianniello & Pasqualini 

 

Acquista a partire da 17,92

Notizie utili

Domenica 16 gennaio // ore 17.30 // Foyer del Teatro Bonci Incontro con Fabrizio Gifuni e Domenico Guzzo, direttore Istituto Storico della Resistenza...

Se ti piace Con il vostro irridente silenzio ti suggeriamo anche:

dal 02/12/2021
al 05/12/2021
Teatro Bonci
Una delle opere più toccanti di Grossman ci parla del dolore per la perdita di un figlio: parole che riconosciamo autentiche e nostre, una favola sull’umanità riletta da Bucci e Sgrosso.
Acquista
a partire da 17,92
dal 25/11/2021
al 28/11/2021
Teatro Bonci
Fronte del porto si trasferisce a casa nostra, a Napoli, tra caporalato, soprusi e gestione violenta del mercato del lavoro
Acquista
a partire da 17,92
dal 09/03/2022
al 10/03/2022
Teatro Bonci
Rosa e Cornelia: due donne rinchiuse per nove mesi per nascondere una gravidanza. Michela Cescon mette in scena il testo di Remo Binosi con Anna Foglietta e Paola Minaccioni.
Acquista
a partire da 17,92
dal 29/03/2022
al 30/03/2022
Teatro Bonci
Reale e surreale, verità e finzione, magia e realtà: tutto è possibile insieme ad Arturo Brachetti, il grande maestro internazionale di quick change.
Acquista
a partire da 29,12

Il delitto di Via dell’Orsina

(L’Affaire de la rue de Lourcine)
dal 07/04/2022
al 10/04/2022
Teatro Bonci
Un uomo si sveglia con uno sconosciuto nel letto: hanno una gran sete e le tasche piene di carbone. Massimo Dapporto e Antonello Fassari nella commedia paradossale di Labiche.
Acquista
a partire da 17,92