Stiamo caricando

Ecce Cor Meum

Sei studi per un teatro che viene

Altri spazi

A proposito di questo spettacolo

Presso Chiesa del Santo Spirito, via Milani 15

Per la seconda edizione di Disgelo dei nomi Teatro Valdoca si muoverà più decisamente nelle direzioni ispiratrici del progetto concertato con ERT, nella messa in tensione cioè tra l’esperienza della Compagnia e giovani talenti in grado di tentare un percorso artistico proprio.

Cesare Ronconi ha chiamato a raccolta i giovani interpreti che hanno lavorato con lui negli ultimi anni ed ha chiesto di comporre un proprio segno espressivo, lasciando loro carta bianca. Ne sono nate sei brevi pièces, tra teatro, danza, canto e arti performative, messe a punto da questi interpreti d’eccellenza, qui anche insieme ad altri collaboratori, scelti da loro.
Queste ragazze e ragazzi hanno fra le mani i semi del nuovo teatro, semi e segni forse ancora acerbi, indipendenti e schietti, messi a punto con impegno e maestria. Saranno due giornate non-stop, con queste brevi pièces, ma anche con interventi e riflessioni di Cesare Ronconi, Mariangela Gualtieri, Lorella Barlaam e Lucia Palladino: sul teatro, sull’espressione, sul presente e la sua ombra, sul futuro e le sue nebbie.

Posti limitati

Dati artistici

Cesare Ronconi: Ecce cor meum
Silvia Curreli: canto iniziale

MUTA, di e con Arianna Aragno
IN/SEMEL Primo studio, di e con Elena Griggio, Alessandro Percuoco, Stefania Ventura

Lorella Barlaam: Ecce cor meum

SOGLIE, atto performativo con e a cura di Rossella Guidotti e Daniele Cannella
STUDIO SULL’EMILIO, regia: Alexia Sarantopoulou, aiuto regia: Marie-Sol Kim, performer: Ondina Quadri, Alexia Sarantopoulou

Lucia Palladino: Ecce cor meum

THE INTRINSIC NATURE. Primo studio, un lavoro del Collettivo Pancreas, a cura di Gianfranco Scisci e Maria Clara Lorusso, con Gianfranco Scisci e Isabel Jane Wharton
UNTITLED (MACHER SES MOTS) – FIGURATION ATTEMPT #2, di e con Elena Bastogi

Mariangela Gualtieri: Ecce cor meum

cura e ufficio stampa Lorella Barlaam
produzione Teatro Valdoca
con il contributo di Regione Emilia-Romagna, Comune di Cesena

foto di Maurizio Bertoni